#Volkswagen e #IOTA: OTA Firmware

9 giu 2018

Cosa succede quando le aziende credono ad una tecnologia? Direi che è abbastanza semplice, investono tempo, risorse, denaro e personale nel creare dei Proof-of-Concept (e questa volta non c’entra un ASIC).
Johann Jungwirth, Cief Digital Officer (CDO) di Volkswagen, presenterà il progetto OTA presso #Cebit18.

Nel suo Tweet, Johann Jungwirth dice:

Volkswagen, insieme a @iotatoken mostrerà a # cebit18 una dimostrazione del concetto di come il trasferimento affidabile di software over-the-air ai veicoli possa essere documentato in modo sicuro utilizzando il #tangle. Grande esempio di come la tecnologia di ledger distribuito potrà essere utilizzata in futuro

Ed aggiunge un’immagine alquanto chiara:

VW OTA Proof of concept

Qui si tratta di un Proof-of-Concept per gli aggiornamenti firmware/software OTA (over-the-air) per veicoli.
Entro il 2020 gli esperti prevedono 250 milioni di veicoli inter-connessi sulle nostre strade. La possibilità di aggiornare il software della componentistica di un veicolo ed aumentare l’automazione sarà una necessità – specialmente per automobili autonome (qui lanciata una sfida a Tesla). IOTA in questo caso sarà il protocollo di base per assicurare aggiornamenti sicuri e l’accesso trasparente ai dati per le revisioni o controlli da terze parti.

Vediamo gli obbiettivi:

  1. Documentare gli aggiornamenti OTA su un medium immutabile e rendere tracciabile i dati per revisionare lo stato del software del veicolo
  2. Integrare la tecnologia IOTA nei sistemi attuali (legacy) per dimostrare l’interoperabilità e l’effettiva possibilità di utilizzo in produzione

I benefici per Volkswagen sono i seguenti:

  • Stabilire la trasparenza e fiducia digitale con i clienti, autorità e terze parti
  • L’abilità di fornire delle prove (nel senso giuridico del termine in caso di incidenti) a terze parti
  • gestire il richiamo del prodotto in modo efficiente
  • possibilità di registrare un volume elevato di aggiornamenti (incrementali) e diverse versioni del software
  • Impossibilità di manomissione e registrazione trasparente delle statistiche

Maggiori opportunità:

  • Funzioni su richiesta:
    richiedere e configurare le funzionalità relative ai veicoli (questso un po’ mi puzza di DRM e chiavi di licenza software)
  • Comunicazioni V2V e V2I (Veicolo verso Veicolo, Veicolo verso Infrastruttura; Domani la mia auto si innamorerà del semaforo e sarà un bel problema 😉 )
    scambiare informazioni, dati e risorse
  • Ecosistema:
    utilizzare dati sicuri e immutabili per personalizzare il servizio come l’assicurazione basata sull’utilizzo

Credo si possa affermare che Johann Jungwirth, quale CDO di Volkswagen, come molti altri visionari crede ad una cosa fondamentale: la tecnologia Tangle della IOTA Foundation.


Per ulteriori informazioni in italiano o tedesco trovate i miei contatti a questa pagina.

Se avete trovato utile la mia traduzione, accetto volentieri delle donazioni 😉

IOTA:
iota1qrpakkq2uurgd8lyulcau3ntnwfwav64saakl20kz8pgu52tewn7gvr2aqr

BTC:
1BFgqtMC2nfRxPRge5Db3gkYK7kDwWRF79

Non garantisco nulla e mi libero da ogni responsabilità.

Tag

Great! You've successfully subscribed.
Great! Next, complete checkout for full access.
Welcome back! You've successfully signed in.
Success! Your account is fully activated, you now have access to all content.